Acerra ripudia il fascismo, il sindaco Lettieri: “Costituzione nostro baluardo”

By on 12 ottobre 2021

Dalla conferenza dei capigruppo, invece, via libera all’adesione alla manifestazione di sabato 16 ottobre indetta dai sindacati dopo l’assalto alla sede romana della Cgil.

ACERRA – Acerra ripudia il fascismo e condanna gli ignobili fatti di Roma, con l’assalto alla sede della Cgil. “In merito ai fatti accaduti in questi giorni, agli assalti alla Cgil e agli scontri di Roma, il primo baluardo contro la violenza ed il fascismo rimane la nostra Costituzione – sottolinea il sindaco di Raffaele Lettieri – la Costituzione è di tutti, stiamo tutti insieme in questa battaglia per la difesa della Democrazia.

La Costituzione continua ad essere attuale ed esaustiva tant’è che, aldilà di qualsiasi sterile polemica, sancisce un’efficace arma contro le ipotesi di neofascismo, attraverso lo scioglimento dei gruppi organizzati o formazioni politiche che evocano questo becero credo. Noi agiamo, da sempre, nel solco della costituzione antifascista, che provvederemo a donare a tutti i giovani diciottenni.

Dalla conferenza dei capigruppo consiliari convocata, sentito il sindaco, dal presidente del consiglio comunale Andrea Piatto, è emersa “la dura condanna, senza ambiguità – spiega Piatto – del tentativo violento e squadrista di militanti di destra estrema di intestarsi il disagio e le paure, le proteste, di cittadini definiti “novax e/o no-pass”. I capigruppo hanno anche formalizzato l’adesione alla manifestazione organizzata da CGIL-CISL-UIL del 16 ottobre a Roma, oltre a prendere contatti con gli altri Comuni campani medaglia d’oro al valor civile, in primis Napoli e Bellona, per verificare la possibilità di una congiunta presenza dei rispettivi gonfaloni.

Centro Servizi Acerra