Semi di canapa, 5 benefici per la salute

By on 18 febbraio 2021

I semi di canapa non sono certo la parte più famosa e usata di questa fantastica pianta, ma nascondono non poche proprietà interessanti. I principali 5 benefici dei semi di canapa possono essere sfruttati in vari modi anche in cucina e rappresentano un vero e proprio toccasana per chi è alla ricerca di soluzioni naturali per mantenersi in salute. Se decorticati, i semi di canapa, infatti, possono essere usati tranquillamente in cucina per la preparazione di composti aromatici, salse o anche ingeriti quotidianamente in dosi controllate. I semi di canapa decorticati possono essere liberamente acquistati sullo shop Sensoryseeds o sulle altre piattaforme affidabili che vendono prodotti derivati dalla cannabis light al 100% naturali. Si consiglia di prestare particolare attenzione a questo aspetto: proprio in quanto i semi di cannabis posseggono numerose proprietà benefiche per l’organismo, infatti, è opportuno accertarsi che il prodotto sia al 100% naturale e non contenga additivi o altre sostanze chimiche. L’ultima cosa che si desidera, infatti, è un prodotto che, per apportare alcuni benefici, possa provocare altri tipi di disturbi.

I 5 benefici dei semi di canapa: perché utilizzarli in cucina

A seguire i 5 principali benefici dei semi di cannabis e perché risultano essere un fantastico integratore alimentare:

1)      L’alta digeribilità e il sapore

Rispetto ad altri semi, quelli di canapa presentano un’elevata digeribilità. Anche se si dovesse abbondare con le dosi, infatti, non si avrebbe alcun disturbo intestinale né tantomeno bruciori di stomaco. A questo si aggiunge il fatto che i semi di canapa presentano anche un sapore gradevole, contrariamente ai sentori amarostici dei semi di sesamo o dei semi di lino. L’alta digeribilità è garantita dalla rimozione della cotica, più coriacea e difficilmente digeribile. Questo rende i semi di canapa anche più facili da masticare e non è necessario ricorrere a mortai o pestelli particolarmente robusti per preparare polveri, creme o sfiziosi crumbles.

2)      Vitamine e Sali minerali

In secondo luogo, i semi di canapa sono ricchi di vitamine, in particolar modo del gruppo B e E. Bastano 100g di semi di canapa decorticati a sopperire all’intero fabbisogno giornaliero di vitamina B1, il 50% del fabbisogno di vitamina B6 e il 20% di vitamina B2. Per quanto riguarda, invece, la vitamina E, 100 grammi di semi di canapa riescono a coprire il fabbisogno giornaliero di quello che è considerato uno dei più importanti antiossidanti naturali. La vitamina E, infatti, ricopre un ruolo fondamentale nella lotta allo stress ossidativo. Passando ai Sali minerali, 100g di semi di canapa decorticata riescono a sopperire a:

  • 70mg di calcio, essenziale man mano che si avanza d’età e durante la gravidanza;
  • 8mg di ferro (80% del fabbisogno giornaliero di un uomo adulto e 4,5% di una donna);
  • Il doppio del fabbisogno giornaliero di fosforo, essenziale per la crescita e il metabolismo osseo;
  • Il triplo del fabbisogno giornaliero di magnesio;
  • Il 30% del fabbisogno giornaliero di potassio, un minerale essenziale all’equilibrio idroelettrico dell’organismo;
  • Il 100% del fabbisogno di zinco, fondamentale per il corretto funzionamento del sistema immunitario;

3)      Acidi grassi essenziali

Gli acidi grassi essenziali costituiscono la prima difesa contro i radicali liberi e sono considerati anti-ossidanti indispensabili all’organismo. I semi di canapa, in particolar modo, contengono sia omega 3 che omega 6, in rapporto di 3:1. Un rapporto, questo, considerato perfettamente bilanciato dagli studiosi dell’alimentazione. Un perfetto equilibrio, infatti, provvede a fornire all’organismo sufficiente omega 3 senza eccedere con l’omega 6. Sebbene entrambi gli acidi grassi essenziali siano fondamentali alla salute dell’organismo, un eccesso di omega 6 rispetto all’omega 3 potrebbe provocare azioni pro-infiammatorie. Questo costituisce uno dei principali motivi per cui è opportuno evitare alimenti industriali, nei quali i due acidi grassi sono presenti in rapporti squilibrati.

4)      Elevato contenuto di fibre

I semi di canapa decorticati provvedono a fornire all’apparato digerente di tutte le fibre necessarie a garantire un suo corretto funzionamento. Questo li rende particolarmente indicati, come tutta la frutta secca o i semi, a coloro che soffrono di stitichezza. Il gran quantitativo di fibre permetterebbe di evitare i fastidiosi integratori artificiali in bustina, che non poche persone considerano altamente sgradevoli da ingerire.

5)      Apporto proteico

I semi di canapa decorticati sono composti per il 25% da proteine. Tuttavia la loro straordinarietà non si esaurisce qui: nei semi di canapa, infatti, sono contenuti tutti e 8 gli amminoacidi essenziali per la sintesi proteica. Per questo motivo sono considerati uno dei più importanti alimenti proteici completi, utilissimi soprattutto se inseriti all’interno di una dieta vegetariana o vegana.

I benefici dei semi di canapa in cucina: come usarli?

Introdurre i semi di canapa nella propria cucina non è solo una scelta per la salute: oltre ai numerosi benefici che essi comportano per l’organismo, infatti, il loro impiego sui fornelli è parte centrale di tradizioni culinarie secolare e dai sapori orientali. In particolar modo possono essere usati sia come decorazione su dolci o rustici sia per la preparazione di pesti e salse. Una delle ricette migliori che si sta affermando appartiene alle cucine vegane: i semi di canapa, infatti, sono l’elemento essenziale dell’Hemp-fu, ovvero il tofu di canapa, dal sapore più marcato e dall’estrema versatilità in cucina. Per gli amanti dei gusti orientali, inoltre, i semi di canapa possono essere impiegati per la preparazione dello Shichimi, una salsa piccante giapponese utilizzata per insaporire pietanze a base di riso o per le zuppe.

Centro Servizi Acerra