Acerra, tra coppiette appartate e circoli abusivi altra raffica di denunciati

By on 23 marzo 2020

I controlli di carabinieri e vigili urbani portano ad individuare nuovi irresponsabili. E la sanzione prevista sembra non fare paura a nessuno.

ACERRA – Coppiette appartate, il bisogno del cane a distanza da casa, la partita di carte e l’esigenza del ‘fumo’. E’ l’ultimo ritrovato di fantasia ad Acerra per quel che concerne le scuse per uscire di casa ai tempi del Coronavirus. Una totale mancanza di rispetto nei confronti della comunità che non ferma l’assiduo lavoro delle forze dell’ordine per contrastare il contagio dal Covid 19. Nel rione Gescal una coppietta è stata sorpresa appartata dai militari dell’Arma della locale stazione, diretti dal comandante Giovanni Caccavale: è stata denunciata per la violazione del decreto che prevede di uscire di casa soltanto per comprovate necessità.

Un cittadino albanese, controllato mentre era in bicicletta, ha risposto di essere uscito per andare a rifornirsi di droga, poichè il suo quantitativo di scorta era terminato: nella sua disponibilità sono stati trovati pure due pezzi di hashish.

Poco fa, invece,la Polizia Locale ha fatto irruzione in un un sottoscala del rione Madonnelle sorprendendo quattro giovani a giocare a carte. “Quattro giovani incoscienti – spiega il sindaco Raffaele Lettieri – che non rispettavano le regole, sono stati appena beccati dalla Polizia Municipale in un circolo privato, si riunivano stasera incuranti del pericolo e della possibilità di contagiarsi e contagiare. Per loro scatta la denuncia. Ancora non hanno capito che le violazioni a queste regole mettono in pericolo tutti… Nonostante il freddo e il pericolo, la polizia municipale continua a vigilare e controllare. Bisogna restare a casa ed evitare contatti. L’isolamento è l’unica cura”.

Centro Servizi Acerra