Domiciliari revocati, Antonio Di Buono torna in libertà

By on 18 gennaio 2020

La decisione della Corte d’Appello di Napoli nei confronti del 32enne di Acerra. E’ libero.

ACERRA – Scarcerato Antonio Di Buono. E’ quanto ha stabilito la Corte d’Appello di Napoli nei confronti del 32enne di Acerra, figlio del ras Vincenzo, meglio conosciuto come ‘o marcianisiell. Ritorna in libertà senza l’aggravio di alcuna misura detentiva: lascia definitivamente i domiciliari che stava scontando presso una comunità. Accolte, nello specifico, le richieste del suoi legale di fiducia, l’avvocato Rosa Montesarchio.

Il giovane aveva rimediato 2 anni e 11 mesi (quasi un anno in meno rispetto a quanto preso in primo grado) essendo stato ritenuto responsabile di porto e detenzione in luogo pubblico di arma clandestina e ricettazione per una vicenda relativa al possesso di una pistola. In quella circostanza gli erano pure state concesse le attenuanti generiche.

I fatti risalgono a maggio del 2015, quando venne arrestato per un episodio accaduto due mesi prima. Insieme ad un 25enne – prima denunciato ma la cui posizione fu poi archiviata – venne intercettato dalla polizia dopo essere stato notato con fare sospetto a bordo di uno scooter: nello specifico, gli agenti, videro che il conducente portava una pistola nella cintola dei pantaloni. Lo scooter, poi, un Honda Sh 300 fu rinvenuto in un portone del corso Vittorio Emanuele. Gli agenti controllarono il veicolo e sotto la sella trovarono una pistola a tamburo Smith & Wesson calibro 38 Special con 6 cartucce nel caricatore ed un telefono cellulare. Per questa vicenda il 32enne si è sempre proclamato innocente.

Centro Servizi Acerra