Il rito della serenata prima di un matrimonio

By on 4 novembre 2019

È un rito che esiste da secoli, un gesto che serve per dichiarare il proprio amore nel modo più dolce e romantico possibile. La serenata prima delle nozze è una tradizione piena di fascino, tutt’oggi diffusa in molte realtà di Italia con particolare riferimento per le città del centro sud quali Campania, Sicilia e Calabria. Un qualcosa di inevitabile prima di un matrimonio le cui origini non sono certe ma dovrebbero risalire addirittura al Medioevo. Di cosa si tratta è noto: la sera prima del matrimonio lo sposo, supportato dai suoi amici oltre che da musicisti appositamente ingaggiati, si reca sotto casa della sposa per cantarle una serenata. Si dovrebbe trattare di un evento a sorpresa anche se, ovviamente, essendo un rito che si perpetra da secoli è un qualcosa che la sposa si aspetta. Certo è che si può cercare di sorprenderla con qualche espediente, nei tempi o magari nella modalità.

Organizzare una serenata di matrimonio

I preparativi per un matrimonio sono un qualcosa di stressante, sia per lo sposo che per la sposa. La notte prima dell’evento, poi, difficilmente si riuscirà a prendere sonno e a dormire tranquillamente. Ecco che diventa, quello, il momento ideale per cercare di stupire la futura moglie. Le modalità per organizzare una serenata di matrimonio sono piuttosto semplici: come suggerisce il sito mmcm.it, si tratta del gesto che esprime meglio di altri il futuro legame tra i due amanti e per il quale non è necessario seguire un canovaccio predefinito: possono essere assecondati i i singoli gusti, si può quindi trattare di una serenata tradizionale, attingendo alla musica popolare italiana che, come noto, è particolarmente ricca; ci si può sbizzarrire in una serenata rock, se questo è il mood dei futuri sposi; o, magari, per chi abbia una vena creativa, inventare qualcosa di proprio pugno.

Quale stile seguire

Quello che conta è seguire un senso logico, perché la serenata di matrimonio dovrebbe ripercorrere la storia d’amore tra di due futuri sposi, avere un significato per loro. Ecco perché la serenata non è più legata soltanto ad un genere, ma si può spaziare a seconda di ciò che un pezzo rappresenta per la coppia. Quanto alle modalità, anche qui ognuno può fare come meglio crede: c’è chi resta in disparte, nell’ombra, senza farsi vedere e limitandosi ad intonare la propria serenata e chi, viceversa, ricorre ad una scala per arrivare fino al balcone della sposa pere porgerle magari un mazzo di fiori. Le possibilità sono realmente tante, non esiste una ricetta unica che sia valida universalmente per tutte le situazioni. Perché, d’altra parte, ogni storia d’amore è un qualcosa di unico, diversa da tutte le altre.

fonte foto sposamiora.it

 

Centro Servizi Acerra