Amianto e rifiuti di ogni genere tra la Tav e l’Ipercoop

By on 10 dicembre 2018

Una discarica a cielo aperto scoperta dai volontari della Lipu tra Afragola ed Acerra.

AFRAGOLA/ACERRA – Una discarica a cielo aperto alle spalle della stazione Tav e del polo commerciale Ipercoop. E’ quanto hanno scoperto ieri mattina le guardie della Lega Italiana Protezione Uccelli di Napoli, dirette da Giuseppe Salzano, che nel corso di un’ordinaria attività di controllo del territorio hanno individuato nelle campagne di Afragola, in contrada Fossa, praticamente al confine con Caivano ed Acerra, un cumulo di rifiuti di diversa tipologia tra quelli urbani, speciali e pericolosi.

Tra il materiale rinvenuto anche scarti provenienti da attività di costruzione o di demolizione edile, lattine di vernice, materiale per coperture in eternit – contenenti amianto- pneumatici fuori uso, materassi, divani e rotoli di guaina bituminosa. Adesso toccherà al Comune gestire le attività di bonifica. “Un tipico esempio di smaltimento abusivo che nel tempo ha assunto nel territorio proporzioni di notevole rilevanza soprattutto per il forte rischio per la salute a causa delle polveri d’amianto che, trasportate dal vento – spiegano i volontari che hanno scoperto la discarica – vanno a depositarsi sulle colture dei campi circostanti e diretto contatto con il terreno inquinando le falde acquifere. Dell’operazione è stata informata anche la Procura della Repubblica competente, nello specifico Napoli Nord.

“L’abbandono dei rifiuti – sottolinea Fabio Procaccini, delegato provinciale Lipu – oltre ad essere frutto della strafottenza di qualcuno spesso è anche opera di una strategia malavitosa volta ad eludere i costi ed i controlli per lo smaltimento dei  rifiuti, specialmente quando di si tratta di quelli pericolosi per l’uomo e per l’ambiente”.

Centro Servizi Acerra