Tra futuro incerto e dramma economico nuova protesta degli ex Montefibre

By on 12 ottobre 2018

Da Roma fumata bianca sull’emendamento per al sostegno al reddito a cento operai rimasti finora fuori, mentre non c’è ancora una data sull’avvio del tavolo tecnico al Ministero.

ACERRA – Vertenza Montefibre, presidio degli operai all’esterno del sito industriale. E’ quanto avvenuto ieri mattina quando circa cento operai tra quelli dell’ex colosso della chimica italiana e attuali lavoratori dell’indotto ha bloccato l’accesso all’area di contrada Pagliarone ad Acerra. L’occasione è stata quella della visita a Roma del consigliere regionale del M5S Gennaro Saiello per verificare col Governo l’avvio di un tavolo tecnico ‘reale’ dove cominciare a delineare seriamente il futuro del polo industriale e dei lavoratori. Dalla Capitale, però, ‘fumata nera’ sulla data di inizio di questo nuovo percorso istituzionale che dovrà vedere seduti uno accanto all’altro tutte le parti sociali ed i soggetti coinvolti nella vertenza.

Se su questo aspetto non c’è stata alcuna comunicazione ufficiale, ciò che invece sembra essersi sbloccato è il sostegno al reddito per i cento lavoratori praticamente a ‘zero euro’ da undici mesi. La settimana prossima dovrebbe esserci l’emendamento per la loro mobilità 2017-2018. La protesta, cominciata intorno alle 7, è andata avanti fino alle 11,30: ingresso vietato ai camion destinati a ciò che resta delle attività produttive dell’area, via libera solo agli operai della centrale elettrica e dell’Infra, una piccola fabbrica di componentistica. Sul posto, oltre a polizia e vigili urbani, anche il consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle di Acerra Carmela Auriemma, in costante contatto per tutta la mattinata con i vertici del partito a Roma. Un’assenza che tra i manifestanti ha fatto molto rumore è stata quella dei sindacati.

Nei giorni scorsi il sindaco di Acerra Raffaele Lettieri aveva interpellato l’assessore regionale Palmieri preoccupato per l’imminente scadenza degli ultimi ammortizzatori sociali in sostegno al reddito degli operai e per la tenuta sociale delle loro famiglie.

Centro Servizi Acerra