Evade dai domiciliari due volte in 12 ore, arrestato

By on 8 maggio 2018

L’uomo non si era fatto trovare dai poliziotti che la mattina seguente la prima evasione lo dovevano accompagnare in tribunale per il processo.

ACERRA – Evade dai domiciliari, ma i poliziotti che lo vanno a prendere il giorno dopo per la direttissima non lo trovano: arrestato. E’ quanto avvenuto nei giorni scorsi ad Acerra, quando gli agenti del locale commissariato, diretti dal vicequestore Antonio Galante, hanno bloccato Antonio Annunziata, 44enne del posto. I fatti: sono da poco trascorse le nove della sera di mercoledì, quando una Volante della polizia suona all’abitazione dell’uomo per verificare la sua effettiva presenza tra le mura domestiche in quanto sottoposto ai domiciliari per tentato furto. Lui, però, non è in casa: ha pensato ‘bene’ di andarsi a fare un giro in auto con la compagna. Nel giro di qualche minuto viene rintracciato ed arrestato in flagranza per evasione e riaccompagnato a casa in attesa della direttissima che si sarebbe dovuta tenere il giorno dopo in tribunale.

Giovedì mattina, dunque, gli agenti vanno per prelevarlo dall’appartamento e portarlo a Nola per l’udienza davanti al magistrato ma incredibilmente non lo trovano. Il 44enne ha deciso di fare una passeggiata: viene raggiunto dopo poco e di lì denunciato. Ieri mattina, poi, al termine della direttissima, il giudice monocratico del tribunale di Nola Mariangela Luzzi ha convalidato l’arresto non disponendo però alcuna misura cautelare per questi fatti. Accolte, nello specifico, le richieste del suo legale difensore, l’avvocato Domenico Paolella.

L’uomo resta ai domiciliari per altro in attesa del processo che verrà celebrato con il rito abbreviato a luglio prossimo. Il 44enne era stato arrestato anche a fine marzo: in quella circostanza, nel corso di un servizio di prevenzione, i carabinieri della stazione di Acerra lo avevano sorpreso all’esterno della sua abitazione del rione Gravina. Per questo episodio verrà giudicato a giugno. In precedenza era già stato denunciato altre tre volte.

Centro Servizi Acerra