Casalnuovo, abusivismo edilizio: condannate banche e società

By on 10 aprile 2018

Il Comune ha evitato che fossero i cittadini i cittadini a pagare l’onta degli scandali e delle truffe.

CASALNUOVO – Scardinato l’ennesimo tassello dell’abusivismo edilizio legato allo scandalo che colpì la città di Casalnuovo di Napoli nel lontano 2007: condannate le banche e la società costruttrice degli appartamenti per la vendita e la conseguente erogazione di mutui che ell’epoca dei fatti permisero alle famiglie di acquistare beni successivamente scoperti abusivi. Il Comune, che già negli altri procedimenti si era costituito parte civile è riuscito ad evitare che fossero, ancora una volta, i cittadini a pagare l’onta degli scandali e delle truffe.

La vicenda è abbastanza articolata ed i provvedimenti giudiziari questa volta sono stati avviati dalle banche che hanno stipulato i mutui a favore delle famiglie che hanno poi acquistato gli appartamenti oggetto della contesa. Il Comune di Casalnuovo in tribunale si è difeso dall’Unione di Banche Italiane – società cooperativa spa – e dalla Vi.Sa.Gi. Costruzioni srl che additavano all’ente la responsabilità di non aver effettuato idonei controlli volti a debellare l’attività criminosa celatasi dietro lo scandalo dell’abusivismo edilizio. Gli stessi ricorrenti hanno inoltre avanzato al Comune una richiesta di risarcimento danni, pari al valore degli appartamenti abusivi venduti, rigettata dal tribunale di Napoli.

La sentenza ha infatti ribadito l’infondatezza della richiesta dei ricorrenti, precisando che “non ricorrono i presupposti di legge perché possa ravvisarsi alcuna responsabilità del Comune che, anzi, è stato riconosciuto come danneggiato in tali vicende”.  Sulla vicenda si è espresso anche il primo cittadino Massimo Pelliccia: “Grazie al lavoro puntuale degli uffici e di tutta la macchina amministrativa siamo riusciti ad evitare che fossero ancora una volta i cittadini a pagare lo scotto di un’attività criminale partita oltre dieci anni fa. Casalnuovo è tra i primi Comuni in Campania per le attività di monitoraggio e di prevenzione attivate ai danni di chi ancora intende speculare sull’abusivismo edilizio – ha aggiunto il Sindaco – abbiamo un censimento dettagliato di tutti i 179 immobili costruiti negli anni in maniera irregolare sul territorio e prosegue l’attività che ha già portato all’abbattimento di molti di questi immobili, due solo nell’ultimo anno. Abbiamo assistito all’ennesimo tentativo di danneggiare il territorio, con quest’attività messa in campo dalle banche e dalla società speculatrice, ma grazie all’attività legale avviata in questi anni siamo riusciti ad evitare ogni altra azione in grado di danneggiare gli interessi della collettività. Sconti a nessuno – ha concluso Pelliccia –  il Comune, infatti, si avvale del servizio di telerilevamento satellitare che, attraverso un sistema di sovrapposizione periodica di fotogrammi ed immagini satellitari, consente di intervenire tempestivamente con le apposite misure repressive e sanzionatorie”. Il funzionamento di tale attività ha portato alla scoperta di numerosi abusi, oltre cento dei quali sono stati risolti con procedure di autodemolizione. Numerosi anche i casi in cui per far fronte alle mancate ottemperanze dei provvedimenti si è proceduto ad acquisire i beni a patrimonio comunale.

com. stampa

Centro Servizi Acerra